Posts

Showing posts from March, 2013
Vivo in una palla di vetro
di Maria Francesca Cadeddu

Ho una malattia che si chiama fantasia.
Vivo in una palla di vetro
e là, quando curiosità di mondo
mi chiama,
amo sempre ritornare.




L'infelice ubriaca di Maria Francesca Cadeddu
«Ero tanto arrabbiata» 
disse a me
l'infelice ubriaca,
mentre tendevo la mia mano
alla sua nuova caduta.


Papa Francesco e la gioia

Voglio condividere con voi queste parole speranzifere.

E questa è la prima parola che vorrei dirvi: gioia! Non siate mai uomini e donne tristi: un cristiano non può mai esserlo! Non lasciatevi prendere mai dallo scoraggiamento! La nostra non è una gioia che nasce dal possedere tante cose, ma nasce dall'aver incontrato una Persona: Gesù, che è in mezzo a noi; nasce dal sapere che con Lui non siamo mai soli, anche nei momenti difficili, anche quando il cammino della vita si scontra con problemi e ostacoli che sembrano insormontabili, e ce ne sono tanti! E in questo momento viene il nemico, viene il diavolo, mascherato da angelo tante volte, e insidiosamente ci dice la sua parola. Non ascoltatelo! Seguiamo Gesù! Noi accompagniamo, seguiamo Gesù, ma soprattutto sappiamo che Lui ci accompagna e ci carica sulle sue spalle: qui sta la nostra gioia, la speranza che dobbiamo portare in questo nostro mondo. E, per favore, non lasciatevi rubare la speranza! Non lascia…
Aforisma di 
Maria Francesca Cadeddu

L'egoismo è la prima religione di ogni essere animato: pochi si convertono.


Ti aspetto alla finestra 
di Maria Francesca Cadeddu

Ho paura della Luce,
ti aspetto alla finestra.


Una come me di Maria Francesca Cadeddu
Una come me  ascolta le sonnifere bugie che le Notti raccontano.
Una come me  asciuga le lacrime delle Mattine  che si svegliano stanche di sognare.

Un cinque di marzo mi uccise
una telefonata e davanti a quella finestra lurida sempre quella panchina.