Pagine

lunedì 1 agosto 2016

Il "pomodore"

Il "pomodore"
di Maria Francesca Cadeddu


Eravate fiori magrolini e
 gialli luminosi,
 appollaiati
 tra le spire dei verdi rami 
che vi hanno fioriti,
 ingrassati,
e colorati.

Siete divenuti pomi dai riflessi d'oro.
E ora le nostre mani,
che a lungo vi hanno contemplato,
riempite 
di un odore penetrante,
un "pomodore"
 che dal picciolo arriva sino al naso
e che sa di buono.

domenica 31 luglio 2016

La coniugazione del verbo fraternità

La coniugazione del verbo fraternità
di Maria Francesca Cadeddu

Io sei tu
Tu sono io
Egli siete voi
Noi sono essi
Voi siamo noi
Essi sono io

Perchè,
io siamo noi,
perchè,
io sono loro.

sabato 30 luglio 2016

Il viaggio della goccia di pioggia

Il viaggio della goccia di pioggia 
di Maria Francesca Cadeddu




Si genera alta e scroscia in moto costante
una goccia di pioggia,
e cade sul vetro della finestra,
ciondolando in una allegra discesa
tra le altre gocce ciondolanti
e tra gli aloni ormai opachi,
segni d'anime d'acqua, sue sorelle.

Non ha paura della caduta
la goccia di pioggia.
Non sceglie dove andare, vive e si lascia vivere.
E scende costante senza troppo accelerare,
allegra del fatto che
alla fine di quel vetro,
alla fine del suo viaggio,
la sua anima d'acqua
avrà lasciato una traccia di vita,
un alone opaco, unico,
che nessuna altra goccia nella sua discesa
potrà mai ridisegnare.




mercoledì 27 luglio 2016

ATTESA di Raymond Carver da Blu Oltremare (1986)


Esci dalla statale a sinistra e
scendi giù dal colle. Arrivato
in fondo, gira ancora a sinistra.
Continua sempre a sinistra. La strada
arriva a un bivio. Ancora a sinistra.
C’è un torrente, sulla sinistra.
Prosegui. Poco prima
della fine della strada incroci
un’altra strada. Prendi quella
e nessun’altra. Altrimenti
ti rovinerai la vita
per sempre. C’è una casa di tronchi
con il tetto di tavole, a sinistra.
Non è quella che cerchi. È quella
appresso, subito dopo
una salita. La casa
dove gli alberi sono carichi
di frutta. Dove flox, forsizia e calendula
crescono rigogliose. È quella
la casa dove, in piedi sulla soglia,
c’è una donna
con il sole nei capelli. Quella
che è rimasta in attesa
fino a ora.
La donna che ti ama.
L’unica che può dirti:
“Come mai ci hai messo tanto?”

martedì 26 luglio 2016


Alda Merini

Mi piace il verbo sentire...
Sentire il rumore del mare, sentirne l’odore. 
Sentire il suono della pioggia che ti bagna le labbra, sentire una penna che traccia sentimenti su un foglio bianco. 
Sentire l’odore di chi ami, sentirne la voce e sentirlo col cuore. 
Sentire è il verbo delle emozioni, ci si sdraia sulla schiena del mondo e si sente…

martedì 21 giugno 2016



"Speeding Cars"


So if I stand in front of a speeding car
Would you tell me who you are, what you like?
What's on your mind, if I'd get it right?
How I love that no one knows
And these secrets all that we've got so far
The demons in the dark, lie again
Play pretends like it never ends
This way no one has to know

Even the half smile would have slowed down the time
If I could call you half mine
Maybe this is the safest way to go
We're singing
Heya heya heya heya
Heya, heya heya
This is the safest way to go nobody gets hurt
We're singing
Heya heya heya heya
Heya, heya heya
You go back to him and then I'll go back to her

So if I stand in front of a speeding car
Would you give your little heart?
Say the word?
Due to just me and you
This way everyone will know
Cause these secrets all that we've got so far
The demons in the dark, lie again
Play pretends like it never ends
This way no one has to know

Even the half smile would have slowed down the time
If I could call you half mine
Maybe this is the safest way to go
We're singing
Heya heya heya heya
Heya, heya heya
This is the safest way to go nobody gets hurt
We're singing
Heya heya heya heya
Heya, heya heya
You go back to him and then I'll go back to her

So if I stand in front of a speeding car
Would you tell me who you are, what you like?
What's on your mind, if I'd get it right?
How I love that no one knows
These secrets all that we've got so far
The demons in the dark, lie again
Play pretends like it never ends
How I love that no one knows

Advertise my secret
I don't really need it
I know you can feel this
So advertise my secret
I don't really need it
I know you can feel this
So advertise my
Advertise my secret

We're singing
Heya heya heya heya
Heya, heya heya
This is the safest way to go nobody gets hurt
We're singing
Heya heya heya heya
Heya, heya heya
You go back to him and then I'll go back to her

If I stand in front of a speeding car
Don't know who you are
Don't know who you are
Heya heya heya heya
Heya, heya heya
You go back to him and then I'll go back to her

Jaques Prévert - Confession publique 
(Loto critique)

Nous avons tout mélangé
c’est un fait
Nous avons profité du jour de la Pentecôte pour accrocher les oeufs de Pâques de la Saint-Barthélemy
dans l’arbre de Noël du Quatorze Juillet
Cela a fait mauvais effet
Les oeufs étaient trop rouges
La colombe s’est sauvée
Nous avons tout mélangé
c’est un fait
Les jours avec les années les désirs avec les regrets et le lait avec le café
Dans le mois de Marie paraît-il le plus beau nous avons placé le Vendredi treize et le Grand Dimanche des Chameaux le jour de la mort de Louis XVI l’Année
terrible l’Heure du berger et cinq minutes d’arrêt bufet.
Et nous avons ajouté sans rime ni raison sans ruines ni maisons sans usines et sans prison la grande semaine des quarante heures et celle des quatre jeudis
Et une minute de vacarme
s’il vous plaît
Une minute de cris de joie de chansons de rires et de bruits et de longues nuits pour dormir en hiver avec des heures supplémentaires pour rêver qu’on est en été et de longs jours pour faire l’amour et des rivières pour nous baigner de grands soleils pour nous sécher
Nous avons perdu notre temps
c’est un fait
mais c’était un si mauvais temps
Nous avons avancé la pendule
nous avons arraché les feuilles mortes du calendrier
Mais nous n’avons pas sonné aux portes
c’est un fait
Nous avons seulement glissé sur la rampe de l’escalier
Nous avons parlé de jardins suspendus
vous en étiez déjà aux forteresses volantes
et vous allez plus vite pour raser une ville que le petit
barbier pour raser son village un dimanche matin
Ruines en vingt-quatre heures
le teinturier lui-même en meurt
Comment voulez-vous qu’on prenne le deuil.



Così Prévert si confessava pubblicamente nel 1955 nel suo La pluie et le beau temps, quasi disorientato in quel mélange eterogeneo di Pentecoste e Pasqua, di latte e caffè, di capo e di coda, di rovine e di case, di un minuto di baccano, grida e lunghe notti per sognare.   
"C'est un fait", è un fatto, una brutta impressione, un brutto tempo che abbiamo perduto strappando le foglie morte dal calendario per il solo gusto di far oscillare il nostro pendolo in avanti. 
Nous avons, nous avons, nous avons: noi abbiamo, solamente, rasato in fretta a zero la nostra città, più veloci di un barbiere la domenica mattina.

C'est et ce sera un fait. Cela a fait et fera mauvais effet!